LA GARA

Campionato italiano sudoku Il Campionato Italiano di Sudoku 2009 si è svolto presso la prestigiosa sala del Real Collegio di Lucca.

96 partecipanti da tutta Italia si sono sfidati nelle 4 prove di qualificazioni e nella fase finale.

Le quattro prove quest'anno prevedevano la prova di velocità con i sudoku mini, la prova con 5 varianti classiche, la prova con 4 varianti esterne e quella finale con 5 sudoku classici e valevole per la Coppa Sudoku Classici

Il Racconto

MOMENTI DI GLORIA
Mancano pochi secondi all’inizio delle gare.
L’atmosfera nella grande sala, al primo piano dell’Ex Real Collegio di Lucca, è molto tesa.
Giovani stagisti consegnano i fogli delle prove e si dispongono ai lati della sala, a controllare che tutto si svolga nel modo giusto.
Riccardo Albini conta alla rovescia e scatta il cronometro che segna il tempo di gara. Per un secondo è tutto un girar di pagine, poi si sentono novantasei persone che fanno un bel respiro profondo e si parte. Ognuno hai il proprio stile: c’è chi ha un piccolo astuccio ordinatamente sistemato sul tavolo di fronte a sé, chi si è creato un proprio universo personale, con grandi fogli come galassie e penne, gomme e matite come stelle.
C’è chi scrive forsennato con una matita nuova, chi guarda con disperazione i piccoli sudoku 6x6 sul foglio della prima prova, chi si mangia le unghie e chi sgranocchia la matita.
Ma il tempo è poco e scorre inesorabilmente verso la fine della prova e così, dopo alcuni secondi di preparazione, tutti si mettono a scrivere. A matita o a penna, in nero, rosso, verde o blu si scrivono numeri nelle colonne, nelle righe e nei minuscoli riquadri. Sembra che si sia cominciati da un secondo, e già c’è qualcuno che consegna.
Facce si alzano dai loro fogli, sorridono, annuiscono. E’ Gabriele, dicono ai propri vicini, è il Campione in carica. E avanti a riempire schemi. Quando finisce la prima prova, i volti scrutano all’intorno. Qualcuno sorride compiaciuto, qualcun altro scuote la testa, ma tutti cercano di restare concentrati.
Nemmeno il tempo di tirare il fiato e ha inizio la seconda prova. Cinque varianti in cinquanta minuti. Anche ora, si agisce secondo il proprio metodo: chi inizia a copiare gli schemi sui fogli di carta che si è portato per l’occasione, chi osserva gli schemi e butta giù qualche numero certo, chi scrive forsennatamente tutti i possibili candidati nelle caselle. Il tempo passa, mani abbracciano facce e capelli, occhi si chiudono e si riaprono, teste si scuotono da una parte all’altra. L’impressione è che gli schemi, quest’anno, siano decisamente tosti. Tutti ci provano, non tutti ci riescono. I più bravi, i soliti noti, riescono a finire tre schemi su cinque entro lo scadere del tempo. Quando i fogli vengono portati via, qualcuno ha la tentazione di alzarsi e sgranchirsi le gambe, ma sta già arrivando la terza prova.
Altre varianti, altri cinquanta minuti di tempo.
La terza prova si dimostra forse ancora più dura della precedente e sono davvero pochi quelli che riescono a finire tre schemi su quattro: solo due. Quando termina il tempo, è il momento di alzarsi e condividere l’esperienza con gli altri novantasei concorrenti. E tutti parlottano a gruppi, si scambiano opinioni e chiedono spiegazioni. Il giudizio è unanime: un massacro, queste ultime due prove. Ma adesso bisogna pensare a riposarsi un po’, a trovare qualcosa da mettere sotto i denti, in preparazione della gara dedicata ai sudoku classici, quella che potrebbe dimostrarsi decisiva per proseguire. Nel frattempo, sono già arrivate le classifiche delle prime due prove e i concorrenti si affollano attorno al tavolo, dove osservano titubanti quale sia la loro posizione. C’è chi va a chiedere spiegazioni a quelli che hanno corretto, c’è chi contesta un risultato che credeva differente. Alla fine, però, tutti si allontanano dalla sala, per una pausa meritata.
Il sole splende nel pomeriggio lucchese, quando i nostri eroi tornano in sala per la quarta e ultima prova della fase eliminatoria. Cinque sudoku classici, un’ora di tempo, in palio il titolo di Campione dei sudoku classici e l’ingresso negli otto delle semifinali. Mentre i controllori controllano (e a volte scattano qualche foto di soppiatto) e gli accompagnatori cercando di passare il tempo, si ripetono i riti di partenza e risoluzione: fogli invadono i tavoli, matite si consumano e vengono temperate, cioccolatini al caffè e bibite energetiche fanno la loro comparsa, e scomparsa, di fronte ai concorrenti. Si vedono sempre più persone che si mettono le mani tra i capelli (almeno, chi può lo fa), mentre gli esperti percorrono rapidi e sicuri strade lastricate di caselle e indizi, che dovrebbero portare alle finali. Quando finisce tutto sembra che non sia finito nulla.
Tutti applaudono alla notizia del vincitore della prova speciale, Marco Montebelli, ma solo in pochi si muovono per andarsene. Tutti hanno comunque voglia di essere lì, di partecipare al resto, anche solo in veste di spettatori. Sono gli appassionati, i tifosi, i parenti di chi è passato, magari. In semifinale vanno persone che, tranne una, hanno già dimostrato negli ultimi anni di cosa sono capaci. Olga Diaz, spagnola di Barcellona, riesce ad aggiudicarsi un posto tra gli otto grandi del sudoku italiano. Viene ogni anno in Italia perché nel suo paese un evento di questo genere non esiste, ci dice. Sa di non poter vincere e di non poter rappresentare l’Italia ai Mondiali in Slovacchia, però viene lo stesso, migliora anno dopo anno ed è pronta alla semifinale.
Dopo una breve preparazione, a gruppi di quattro i concorrenti delle finali sfidano il tempo e gli avversare in due schemi di sudoku. Quindici minuti per un “classico” e un “numeretti” (che nessuno riuscirà a completare) sono sufficienti per proclamare finalisti Gabriele Simionato, Elena Mazzini, Giulia Franceschini e Alessandro Ottaviani (che si aggiudica il posto in finale per due soli punti, 85 a 83). La finale è il colmo della tensione e la sala sprofonda nel silenzio, mentre i quattro eroi vivono i loro momenti di gloria. Come al rallentatore, i campioni del passato e del presente si sfidano su altri due sudoku, un “classico” e un “cubico”, con solo quindi minuti di tempo.
Alla fine, mentre tutti attendono con ansia di sapere com’è andata, pur consci di sapere, più o meno, come andrà a finire, viene annunciato l’ex-equo. Gabriele Simionato ed Elena Mazzini sono a pari merito, 69 punti a testa. Solo la posizione nella classifica generale permette al giovane Campione friulano di aggiudicarsi il secondo titolo consecutivo

Fase eliminatoria

Classifica Generale Fase Eliminatoria
PosNum GaraNomeCittàTotale
1 099 Gabriele Simionato Torviscosa 333
2 065 Elena Mazzini Bologna 313
3 044 Giulia Franceschini Venezia Lido 288
3 074 Alessandro Ottaviani Potenza Picena 288
5 069 Marco Montebelli Rimini 281
6 080 Marco Pellegrini Pisa 266
7 040 Olga Diaz Moruno Barcellona 261
8 005 Antonio Arezzo Milano 218
9 098 Christian Savarese Roma 214
10 028 Marco Circella Bari 211
11 083 Mathia Pinato Casorate Sempione 209
12 102 Laura Tarchetti Pezzana 201
13 043 Camilla Ferrarese Parma 199
14 063 Sara Martin Ancona 186
14 109 Angela Tregnaghi Cadoneghe 186
16 054 Pierdante Lanzavecchia Genova 185
17 059 Giovanni Luca Mancuso Grammichele 182
18 087 Gabriele Quaresima Cori 179
19 073 Chiara Nuzio Pecetto Di Valenza 171
20 012 Tiziano Berlanda Cavalese 169
21 002 Marco Alfano Pomezia 164
22 050 Luana Isopo Lanuvio 164
22 060 Domenico Mancuso Torino 164
22 093 Sergio Rosati Roma 164
25 056 Valeria Losasso Teramo 154
25 062 Gianluca Marcucci Viareggio 154
27 049 Paolo Grandi Cavallina 149
27 064 Mirco Mazzi Roncofreddo 149
29 025 Roberto Cereda Arese 147
30 029 Daniele Colnaghi Cornate D'adda 146
30 030 Andrea Contino Roma 146
30 038 Maria Luisa Di Salvia Cerveteri 146
33 084 Alberto Pini Montale Rangone 141
34 010 Nadia Bellettini Pistoia 139
34 011 Marco Belloni Inveruno 139
36 072 Martino Nacca Atripalda 131
37 113 Janet Zaina Piovene Rocchette 124
38 031 Maurizio Corti Firenze d> 114
38 089 Luca Rabino Bra 114
40 047 Gianluca Garghella Padova 109
41 053 Rosa La Mantia Montepulciano 106
41 103 Simone Tatini Pelago 106
43 014 Valeria Biggi Carrara 104
44 048 Loredana Gazzaniga Broni 102
45 051 Nicoletta Isopo Ariccia 99
45 101 Alvise Tarantello Campagnano Di Roma 99
47 004 Rodolfo Aquila Calabro' Vercelli 97
47 115 Giuseppe Viola Gorgoglione 97
49 018 Alessio Brizi Terni 94
50 027 Loredana Cilia Frascati 89
50 037 kamagra jelly Alfredo Di Luise Milano 89
52 024 Eleonora Carosa L'aquila 87
53 117 Astrid Schweiggl Cortaccia 86
54 052 Giuseppe Jelich Bologna 84
54 118 Elena Pertusi Trieste 84
56 023 Graziella Cardinali Borgo Val Di Taro 82
57 007 Graziano Baccianti Sesto Fiorentino 79
58 046 Pier Decimo Gambino Ragusin Nogaredo 77
59 082 Roberto Pinardi Monghidoro 72
60 057 Giulia Mainardi Parma 70
61 120 Angelo Fanelli Perugia 69
62 006 Vito Armento Ginosa 67
62 026 Guido Ciamaroni Novate Milanese 67
62 092 Mirco Rosa Pordenone 67
65 020 Antonio Calamati Piombino 66
66 017 Fabrizio Bottai Marginone 64
67 106 Alessandra Tordo Bevagna 60
68 039 Giuseppe Di Spigna Milano 59
68 042 Giuliano Fabbri Bologna 59
70 066 Gabriele Melandri Bonferraro 57
70 110 Renzo Viali Roma 57
72 019 Giovanna Bugnotto Bonferrato 55
72 070 Enrico Monzini Milano 55
74 008 Ottavio Bartenor Genova 54
75 016 Maurizio Bonizzi Seriate 52
75 085 Domenica Antonia Pizzi Verona 52
77 096 Dario Sassi Roma 50
78 112 Ilaria Voto Cavallina 49
79 001 Claire Airchinsky Trieste 47
80 090 Gaia Ranfagni Bagno a Ripoli 44
81 076 Lara Pacini Lucca 42
81 077 Carlo Pacini Lunata 42
83 033 Giuseppe De Camillis Casoli 40
83 097 Ugo Sassi Roma 40
85 045 Anna Chiara Galiani Alberobello 39
86 068 Sergio Messina Roma 37
87 107 Stefania Toscani   35
88 079 Chiara Parietti Arsago Seprio 34
89 035 Mario De Santis Roseto Degli Abruzzi 30
90 081 Giovanni Pierattini Prato 25
91 022 Maria CardÏ Impruneta 22
92 078 Cinzia Parietti Arsago Seprio 20
93 032 Mario David Roma 15
94 061 Bruno Manni Cognento Di Modena 15
95 119 Luca Castagna Mantova 12
96 116 Raulo Rettori Castefiorentino 10

Classifica Finale

 
PosNum GaraNomeCittàTotale
1 117 Gabriele Simionato Torviscosa Campione italiano 2009
2 054 Elena Mazzini Bologna seconda classificata
3 102 Giulia Franceschini Venezia terza clasificata
4 127 Alessandro Ottaviani Potenza Picena
5 066 Marco Montebelli Rimini vincitore premio sudoku classici
6 075 Marco Pellegrini Pisa
7 067 Olga Diaz Barcellona
8 027 Antonio Arezzo Milano

Regolamento

Regolamento (versione1.0 - 5 febbraio 2009)
Svolgimento
Data: sabato 7 marzo 2009 a Lucca presso il Real Collegio e si svolgerà in due fasi: qualificazione e finale.
L'inizio della competizione è previsto per le ore 11 con un breva cerimonia di presentazione
La competizione ha lo scopo di proclamare il campione italiano di Sudoku 2009.
Partecipazione e iscrizione
La partecipazione alla Selezione Italiana è limitata a un massimo di 200 partecipanti, selezionati in base alla data di iscrizione e alla conferma tramite il pagamento della quota.
Una volta raggiunti i 200 partecipanti, le iscrizioni verranno chiuse. L'iscrizione avviene online registrandosi sul sito www.sudoku.it.
Quota di partecipazione
Il costo dell'iscrizione è di 25 euro ma per chi si iscrive entro il 28 febbraio 2009 la quota sarà di 20 euro e puo' versata utilizzando le seguenti forme di pagamento: * Carta di credito * bonifico bancario * conto corrente.
La procedura avviene ONLINE oppure utilizzando uno dei moduli PDF disponibili sul sito della società Picomax (shop.picomax.it).
Norme generali
Il tempo a disposizione per portare a termine la fase di qualificazione verrà stabilito dagli organizzatori, e sarà comunicato prima dello svolgimento della competizione.
Il Campionato si svolgerà su carta. I partecipanti devono portare i propri strumenti di scrittura (matita, gomma, etc.). Nella fase finale, gli strumenti di scrittura verranno forniti dall'organizzazione. Nel corso della fase di qualificazione, i concorrenti si disporranno opportunamente distanziati l'uno dall'altro. In nessun caso, durante l'effettuazione della prova, sarà possibile consultare dei testi, né usare un computer, telefonare, parlare con amici o altri concorrenti, copiare o collegarsi a Internet, ecc., pena la squalifica.
Fase di qualificazione
In questa fase, tutti i concorrenti iscritti dovranno risolvere una serie di sudoku di vario tipo, avendo a disposizione un tempo massimo che verrà annunciato prima della gara. Ciascun Sudoku, in base alla difficoltà, vale un certo numero di punti. In base alle soluzioni consegnate, verrà redatta una classifica di merito, stilata in base ai punti totalizzati. A parità di punteggio, si terrà conto del tempo di consegna. Verranno ovviamente favoriti i concorrenti che avranno consegnato prima degli altri.
Il concorrente che al termine della fase di qualificazione avrà totalizzato il miglior punteggio sarà automaticamente selezionato per la nazionale che parteciperà al campionato del mondo di sudoku.
Coppa sudoku
Una delle prove della fase di qualificazione sarà dedicata alla soluzioni di sudoku classici. Il vincitore di questa prova si aggiudicherà la Coppa Sudoku 2009.
Finale
La fase finale, a cui parteciperanno i migliori 8 classificati, è una gara a eliminazione e si svolgerà in due fasi: semifinale e finale. I partecipanti dovranno risolvere 2 sudoku in un tempo stabilito. I primi due classificati di ciascuna delle due manche si qualificheranno alla prova finale. La prova finale servirà per stabilire la classifica conclusiva e proclamare il campione italiano. Il primo classificato sarà il secondo componente della squadra nazionale di sudoku. Nel caso il vincitore sia la stessa persona che si è classificato al primo posto nella fase eliminatoria, gli otto finalisti saranno considerati come riserve per la selezione della squadra. Il terzo componente della nazionale è scelto dall'organizzazione tra i tre nazionali che l'anno scorso hanno rappresentato l'Italia al campionato mondiale 2008.
Puntualità
È responsabilità di ciascun partecipante essere puntuale. Chi non fosse presente nella sala dove si svolge la Selezione Nazionale al momento dell'inizio della gara, non potrà partecipare anche se iscritto e in regola con la quota di iscrizione.
Partecipanti
La partecipazione è a titolo personale. È possibile iscriversi e pagare la quota di partecipazione anche a Lucca, ma essendo il numero chiuso non si garantisce che vi siano ancora posti disponibili. L'organizzazione si riserva in qualsiasi momento di modificare il presente regolamento. Gli iscritti saranno avvertiti delle eventuali modifiche via email

Login